L’isola che non c’è

Un altro post che vi racconta delle evoluzioni di questa nostra casa di pazzi! Quanto in fretta vi stancherete?

Speriamo fra un po’ 😉

40E64622-2BA2-4D5C-8DE6-1AC11B120442.jpegAllora questa è una delle rare immagini della cucina, prima del nostro insediamento. Bianca, tutta bianca ma non di gran qualità. La mia idea è che se vuoi una cucina tutta bianca deve essere high-end, non so come dire. Se prendi una cucina nel negozio più sgrauso di tutta Nyc, come hanno fatto i costruttori, devi provare a dargli un po’ di carattere con le customizzazioni. Ed e quello che ho provato a fare appena ne ho avuto la possibilità.

Tentativo numero uno

669C6A54-DFA1-4D8D-A17C-6C5E57DFABFF

Il signore è il tecnico della Samsung, purtroppo non ho trovato una foto migliore 😂. Comunque, il tentativo inziale e stato il più facile e a me piaceva moltissimo, ma a mio marito veniva l’orticaria al solo pensiero che avessimo delle placche di vinile ( plastica, lo chiamava lui) sull’isola della cucina.

Che poi tecnicamente è una penisola.

Complice la visita di mio cognato, falegname, dall’Italia me l’hanno sostituita nottetempo, con delle tavole di legno di pino. Pino. Giallo, capite? Non ho foto della loro opera perché ero troppo impegnata a piangere.

Quindi passiamo al tentativo numero tre.543F495E-F514-4DC5-B96D-5958D926CE24

Ho staccato tutto, verniciato, ridipinto, scartavetrato e riattaccato il tutto. Non era male, ma non assomigliava per niente all’idea che avevo in mente e che avevo screnshottato dalla pubblicità del succo di melograno, ancor prima di comprare casa. Vi mostro una diapositiva261E4D41-C5C8-427D-A343-59741717EEC6

E cosi siamo arrivati al tentativo numero quattro.

Ho rimosso il pino malefico e applicato quello che qui si chiama stikwood: sono delle specie di piastrelle autoadesive di legno recuperato, un po’ irregolari, ma che donano molto carattere. E’ estremamente overpriced ma con una grande botta di fortuna l’ho trovato super scontato su Amazon e ne ho approfittato subito.

Il risultato inizialmente mi piaceva TANTISSIMO, ma non ho una foto perché appena finito il lavoro ho realizzato che il legno non era solo vintage ma anche lurido e francamente mi sembrava poco igienico averlo in cucina. In più l’adesivo dipartenza non faceva presa e ho dovuto usare la colla millechiodi, operazione che ha creato non pochi problemi all’uso dei miei arti per qualche giorno. Diapositiva della mia mano alla fine del lavoro

404ADFF1-A06A-4728-B97D-F0A60FF0C0F3.jpeg

Nella disperazione di non perdere tutto il lavoro fatto, ho pensato bene di levigarlo e riverniciarlo, il tutto senza rimuoverlo dall’isola. Non vi dico il casino che ho combinato! Ho dovuto pulire la polvere di legno per tipo tre mesi 😢

E la puzza? lasciamo perdere!

Senza altri indugi siamo così arrivati al tentativo numero cinque, che sia la volta buona?

D7A47531-5C58-4D8D-96C1-D4713F69FE7B.jpeg

 

Io mi auguro proprio di sì! Ditemi un po’ qual è la vostra versione preferita? Avete notato che ho cambiato anche il colore agli sgabelli?

 

2 Comments

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: